jQuery(function($){ $('.logo_container a').attr('href','http://www.alessioredaelli.eu/en_GB/home/'); });

Come già ho avuto modo di illustrarvi in passato, il laser frazionato permette un ringiovanimento cutaneo sino a pochissimi anni fa assolutamente impensabile. E nello specifico, il laser CO2 essendo un laser ablativo (che toglie un sottilissimo strato cutaneo) risulta ottimo anche per le macchie cutanee, oltre che per il ringiovanimento.

La tecnologia avanza ogni giorno. In particolare nel campo dei laser, abbiamo avuto negli ultimi anni, una evoluzione assolutamente esponenziale.

Oggi abbiamo macchine che si regolano prima di iniziare, ove possiamo decidere a priori quanto ledere, con che profondità e con che distanza tra una lesione ed un’altra.

Da una esfoliazione completa dello strato cutaneo superficiale che si aveva con il vecchio laser CO2, si è passati ad una esfoliazione controllata nella quale il raggio laser viene frazionato solo su piccoli punti della cute, distanziabili secondo le esigenze: questa è proprio la tecnologia del Laser CO2 Frazionato.

Si basa sul principio che ledere solo una parte minore di cute, dal 5 al 40%, permette una guarigione velocissima e di abolire quasi tutti i rischi connessi al vecchio laser CO2, che dava risultati molto buoni, ma a volte anche degli esiti cicatriziali inestetici.

Questo riduce l’effetto termico in modo enorme e quindi gli effetti dovuti all’ustione dei tessuti, con conseguenti possibili cicatrici, sono piombati a zero.

Anche il follow up, si è ridotto ma soprattutto è divenuto molto uniforme, per cui possiamo dare una tempistica quasi completamente sicura: in 5 – 7 gg, le crosticine si sono staccate ed il paziente riprende una normale vita di relazione.

Inoltre la produzione di collagene viene stimolata enormemente, esattamente come succede quando ci feriamo: in pochi giorni si attivano tutti quei meravigliosi meccanismi che permettono una guarigione completa.
Con il laser CO2 frazionato quindi, a differenza che con altri tipi di laser, è possibile modulare la forma dell’impulso a seconda del tessuto da trattare. Questo permette la massima efficacia del trattamento ed una sostanziale riduzione del dolore per il paziente.
Inoltre, personalmente sono solito utilizzarlo in assocazione alla concentrazione autologa delle piastrine (PRP, Plasma Ricco di Piastrine), il che permette una guarigione assai veloce.
In pratica, immediatamente prima della procedura si esegue un prelievo di circa 20 cc, si concentrano le piastrine autologhe, del paziente stesso, immediatamente. Questa stessa pappa di piastrine viene poi stesa sul volto, immediatamente dopo aver terminato il laser.
Questo permette di ridurre il bruciore al minimo, e di ottenere una guarigione che avviene veramente in pochissimi giorni.
Le aree maggiormente indicate sono:
– area palpebrale e perioculare
– area periorale
– area del volto completo (full face)
– collo
– decolletè
– mani
– macchie cutanee
E’ possibile sottoporsi al trattamento con Monnalisa Touch direttamente in ambulatorio.
Se voleste saperne di più sono a Vostra disposizione presso il Centro Medico Visconti di Modrone oppure al mio indirizzo mail mail@docredaelli.com.

Autore: Alessio Redaelli