jQuery(function($){ $('.logo_container a').attr('href','http://www.alessioredaelli.eu/en_GB/home/'); });

Combattere la battaglia contro l’invecchiamento da soli, se il paziente non ci aiuta, sicuramente ci esporrà a risultati minori se non scarsi.
Quindi la prima strategia resta catturare la collaborazione del paziente mettendo bene in chiaro che il primo metodo per avere una silhouette perfetta e per invecchiare bene sta nello stile di vita.
Quindi i consigli che dobbiamo dare ai pazienti saranno soprattutto per l’impostazione di un programma di ginnastica mirata associata a trattamenti specifici.
Anche la dieta svolge un ruolo fondamentale nell’arricchire l’organismo di sostanze riducenti, antinquinamento.
Inoltre usare creme ad effetto tensore con regolarità tutti i giorni sui punti critici – seno, ventre, glutei , Creme che contengano principi attivi elasticizzanti, come collagene ed elastina, che rinforzano le fibre di sostegno contrastando i rilassamenti cutanei, ma anche esfolianti, a base ad esempio di acido mandelico che, stimolando il ricambio cellulare, fa apparire la pelle più tonica e compatta, con un effetto lifting immediato.
Per ridefinire i contorni e per ridurre le adiposità localizzate l’assunzione di principi attivi come semi di guaranà, caffeina e acido cisteico, che stimolano la lipolisi direttamente all’interno degli adipociti (le cellule che ‘fabbricano’ i grassi), associati a carnitina, che contribuisce a ridurre i grassi resta una possibilità interessante.
Le vitamine E ed F, che contrastano l’invecchiamento cutaneo, migliorano il tono dei tessuti, e contrastano i radicali liberi, andranno consigliate sia come integratori sia come creme per uso domiciliare.
I cosmetici antietà rientrano nelle strategie di prevenzione delle rughe, svolgendo un ruolo di protezione della pelle dai fattori aggressivi esterni, apportando sostanze nutrienti e idratanti o eliminando lo strato più superficiale di cellule morte, che rendono la pelle ispessita e giallognola.
Bisogna sempre procedere ad una detersione accurata e regolare della pelle del viso, al mattino e alla sera, prima di utilizzare qualsiasi cosmetico in quanto la scarsa igiene è uno dei fattori che favoriscono l’invecchiamento cutaneo. Le cellule epidermiche, infatti, si aggregano con lo sporco e il sebo, interferendo con gli scambi cellulari che avvengono negli strati sottostanti. L’utilizzo di detergenti e tonificanti appropriati al tipo di pelle e non troppo aggressivi, è fondamentale per non alterare il film idro-lipidico.
Mattina e sera potremo consigliare di applicare un prodotto specifico ad azione idratante e nutriente: al mattino possiamo usare una emulsione idratante leggera. A volte, anche possiamo utilizzare anche un siero ad azione lifting e antirughe se la pelle già risente degli effetti del tempo. Se fosse necessaria una azione più incisiva possiamo pensare all’uso domiciliare di creme galeniche fatte apposta per il paziente dal nostro farmacista prevedendo nella formulazione ad esempio l’acido retinoico a bassissimo dosaggio. Per la notte è meglio optare invece per un trattamento dall’azione nutriente e restituiva.
Infine uno scrub almeno settimanale contribuirà sicuramente a migliorare l’esfoliazione ed il ricambio cellulare.
I prodotti esfolianti prevedono l’aggiunta di microparticelle di natura vegetale (cristalli di sali marini o semi di albicocca e nocciola) o di natura sintetica, come il polietilene, che, massaggiati delicatamente per qualche minuto, puliscono la pelle in profondità ed uniformano il colorito.
Gli scrub per il corpo sono diversi da quelli usati per viso e collo che di norma restano più gentili. Hanno granuli più grossi, che esercitano un’azione più marcata, e per questo sarà meglio consigliare il paziente di porre attenzione a zone corporee particolarmente delicate.
Anche in questo caso avere un farmacista esperto in preparazioni galeniche e magistrali potrà aiutarci molto nella formulazione per il paziente di creme, emulsioni o gel costruiti su misura.
Classificazione dei prodotti e tecniche di impianto.
I prodotti in commercio hanno diverse indicazioni in base al loro rationale di impiego:
Restituzione dell’idratazione con Acido ialuronico Hidroreserve:
Restituzione di un cocktail polivitaminico, antiossidante:
Trattamento con sostanze omeopatiche
Trattamento con PDRN (Polidesossiribonucleotide)
Trattamento con amminoacidi puri.
Rinforzo della trama sottocutanea mediante farmaci ricostitutivi del collagene: gli sculptra.
Peeling esfolianti adatti al corpo
Preparazione ed anestesia:
I pazienti vengono preparati per i 5 giorni precedenti con pomata alla vitamina K per ridurre le ecchimosi.
Tale pomata viene prescritta anche nei 2 – 3 giorni seguenti.
Di norma non è necessaria una anestesia locale, perché tutte le tecniche si avvalgono di aghi 30G o 32G, praticamente indolori. Solo gli Sculptra necessitano di aghi un poco più grossi, intorno a 27G.
Alcune zone possono essere un poco più dolorose, come il decolletè e la parte volare degli arti.
In questi casi è possibile utilizzare una pomata anestetica a base di prilocaina che è abbastanza efficace, a patto che venga messa almeno per mezz’ora.
I pazienti quindi vengono fatti venire in studio almeno mezz’ora prima e la pomata viene applicata direttamente in studio, alla fine coperta con Domopak per concentrare l’effetto sulla cute.
Utile anche se non si vuole perdere troppo tempo l’uso di ghiaccio spray che genera un effetto vasocostrittore e riduce anche la formazione delle piccole ecchimosi.
Non vengono usati blocchi anestetici iniettivi.

Autore: Alessio Redaelli