jQuery(function($){ $('.logo_container a').attr('href','http://www.alessioredaelli.eu/en_GB/home/'); });

I cocktail polivitaminici con l’aggiunta di numerose altre sostanze nutritive sono apparsi sul mercato della medicina estetica qualche anno fa.
In particolare sono stati i cugini Francesi ad interessarsi agli studi, ed a proporre per primi sul mercati cocktail validi e con un rationale credibile.
I cocktail sono svariati ma quello più utilizzato prevede l’associazione di 13 vitamine, 23 aminoacidi, 6 Sali minerali, 6 coenzimi, 5 acidi nucleici, 2 agenti riduttori.
Si tratta di una soluzione liquida che quindi permetta al medico l’aggiunta di qualsiasi altro particolare principio attivo utile nel caso specifico.
A questo cocktail di base può essere aggiunto l’acido ialuronico sempre di tipo biointerattivo e altre sostanze particolari a seconda delle esigenze del paziente.
A me capita spesso, ad esempio, di aggiungere al cocktail poche unità di tossina.
Infatti sono documentate da molti studi queste miofibrille elastiche muscolari che collegato il derma con il sottostante tessuto sottocutaneo.
Questo contribuiscono a formare quelle rughe ad esempio tipiche del decolletè, verticali.
La tecnica anche in questo caso è a microponfi distanziati di circa 0,5 cm, ma è possibile anche una tecnica a rete, per distribuire uniformemente il prodotto. (Fig. 2)
Il ciclo di trattamenti è solitamente di almeno 4 sedute distanziate di 10 giorni circa, cui segue un ciclo di 2 sedute intervallate da 1 mese ed infine 1 seduta ogni 2 – 6 mesi.

Autore: Alessio Redaelli