jQuery(function($){ $('.logo_container a').attr('href','http://www.alessioredaelli.eu/en_GB/home/'); });

Il Clostridium Botulinum è il microrganismo responsabile della produzione della tossina botulinica. Tale microrganismo è in grado di produrre spore fortemente resistenti. Condizioni estreme come la bollitura, la salatura o l’affumicatura non ne alterano la sopravvivenza!!!

Sono famose le marmellate e le conserve delle nostre nonne ove il clostridium botulinum prospera e produce grandi quantità di tossina poi mortale per il malcapitato assaggiatore!

Le spore si trovano anche e facilmente in ambienti umidi come terreni e acque stagnanti non potabili (anche marine) e possono contaminare alcuni tipi di alimenti che vengono conservati in scatola cotti in modo non completo, oppure in salumi e prosciutti.

La malattia che ne deriva è il Botulismo, ovviamente alimentare, che provoca la morte prevalentemente per paralisi respiratoria.

Cosa è e come agisce la Tossina botulinica?
La tossina botulinica ha quindi un grande impatto sul movimento muscolare. Infatti penetra nei muscoli ed entra nella placca neuromuscolare impedendo il rilascio di acetilcolina ed impedendo di fatto la trasmissione neuromuscolare.
Da molti anni studioni del settore sono riusciti a trasformare tale pericolosissimo principio attivo in un farmaco utilissimo in ambito medico per moltissime indicazioni e da pochi anni utilissimo anche in ambito estetico.
In Italia il prodotto con indicazione estetica si chiama Vistabex.
Il Botox è esattamente lo stesso prodotto ma è riservato per uso oculistico e neurologico.
Il Vistabex è stato approvato per uso estetico in Italia nel 2004 e tale approvazione riguarda solo la glabella. Cioè sul foglietto illustrativo viene consigliato per la riduzione delle rughe glabellari.
In tutti gli altri distretti corporei, quindi, viene usata “off label”, come d’altronde il 40% circa dei farmaci in circolazione in Italia.
Quindi per concludere, la tossina agisce rilassando i muscoli che provocano le rughe, e parliamo ovviamente delle rughe mimiche.
In particolare quelle del III superiore del viso.
Ma sempre di più si ottengono grandi risultati anche in distretti diversi come il III inferiore del viso, il collo ed il Decolleté.
La tossina botulinica può essere pericolosa per la mia salute??
Effetti di intossicazione sistemica con tossina botulinica dopo trattamenti cosmetici non sono riferiti. Il quantitativo usato in cosmetica è moltissime volte inferiore alle dosi pericolose.
Diverso è se la tossina può dare effetti indesiderati: se iniettata in muscoli diversi da quelli target, la tossina non sbaglia e invariabilmente provoca l’indebolimento muscolare desiderato.
Ma, come dico sempre, non è la tossina a sbagliare: lei fa il suo lavoro! È stata iniettata nella stragrande maggioranza dei casi in modo esagerato o in siti iniettivi pericolosi o sbagliati!
Comunque, a tutt’oggi, non sono riferiti casi definitivi di lesioni da botulino.
La tossina è già pronta all’uso o viene preparata al momento?
La tossina è liofilizzata e viene preparata al momento dell’infiltrazione. Questo è il primo momento importante per la riduzione al minimo degli effetti collaterali.
Infatti se viene diluita troppo, il medesimo quantitativo di tossina sarà diluito in troppa acqua e saranno possibili migrazioni di sostanza in muscoli vicini.
Se al contrario viene diluita troppo poco, l’effetto sarà troppo limitato in estensione e breve nella durata.
L’abilità del medico utilizzatore sarà quella di adattare questo particolare allo specifico paziente.
Come viene iniettata la tossina botulinica?
La tossina viene iniettata tramite le siringhe da insulina.
Anche questo sarà un momento assai importante perché differenti siringhe permettono precisioni di impianto assolutamente differenti.
Personalmente uso siringhe da 50 U.
(siringa da insulina da 0,3 ml x diabete)

E importante la profondità dell’iniezione?
Assolutamente si! E’ fondamentale che il muscolo sia iniettato precisamente e muscoli profondi necessiteranno di iniezioni profonde, muscoli superficiali di iniezioni superficiali.
E dove esistono muscoli profondi e superficiali a pochissima distanza, sarà fondamentale la precisione dell’impianto!
E’ importante lo studio del paziente?
Questo è un’altro aspetto assai importante per evitare l’insorgenza di effetti collaterali e per avere risultati di rilievo.
Il paziente va assolutamente studiato bene prima di trattarlo e va marcato con una matita da trucco per determinare bene il sito iniettivo.
Ogni paziente è differente da un altro e l’iniezione va studiata esattamente.
Per quali indicazioni possiamo pensare di utilizzare la Tossina botulinica?
In ambito strettamente estetico, per le rughe!

La tossina ha un grandissimo effetto sulle rughe, come tutti noi sappiamo. Negli ultimi anni l’incremento nell’utilizzo del Vistabex è stato veramente esponenziale, in alcuni anni maggiore al 1000%.
L’indicazione principale restano le rughe del III superiore del volto.
Le rughe glabellari, praticamente quelle tra gli occhi, sono l’indicazione che il Ministero della Salute ha ritenuto di autorizzare da foglietto illustrativo.
Ma sicuramente anche le rughe della fronte e le rughe del canto laterale dell’occhio traggono grandissimo beneficio dalle iniezioni di Tossina Botulinica.
Sempre maggiormente viene però trattato anche il III inferiore del volto.
Infatti una delle azioni più importanti della tossina resta quella di modulazione dell’equilibrio tra muscoli agonisti ed antagonisti. Ed è questo il meccanismo di azione più importante nella modulazione del cedimento del bordo mandibolare e nel trattamento delle cosiddette bande platismatiche.
Infine la tossina botulinica è molto utilizzata da alcuni autori, nel trattamento delle rughe del decolleté.
Infatti sono documentate miofibrille muscolari che dal piano muscolare profondo arrivano alla cute.
Con pochissime unità di tossina diluite in sostanze rivitalizzanti, è possibile ridurre questo fenomeno ed ottenere ottimi risultati anche in questo distretto.
Per la sudorazione:
La tossina botulinica ha un effetto veramente straordinario nella limitazione, anzi, nella abolizione, della sudorazione eccessiva.
Tale effetto è visibile a tutti quanti provano la tossina sulla fronte per motivazione estetica: per molti mesi la sudorazione della fronte sarà inesistente.
Nel trattamento della disidrosi ascellare, delle mani e dei piedi i risultati sono veramente eccezionali, a fronte di effetti collaterali praticamente assenti.
Inoltre le iniezioni, specie per le ascelle, non sono particolarmente dolorose, e gli effetti sono assolutamente naturali.
Se la seduta poi viene fatta all’inizio del periodo estivo, i risultati saranno di grande durata, essendo il periodo invernale meno esposto al problema!
Questo è uno dei campi dove la tossina rappresenta veramente una rivoluzione copernicana!!!
La tossina è eterna o va ripetuta nel tempo?
La tossina va ripetuta tendenzialmente ogni sei mesi. Non sono descritti ad oggi, effetti collaterali definitivi dopo uso di tossina botulinica per via iniettiva.
Invariabilmente quindi dopo qualche mese, l’effetto estetico della tossina va azzerandosi.
E’ evidente quindi che anche gli effetti collaterali non dureranno in eterno ed anch’essi, col tempo, andranno scemando e scompariranno totalmente.
Mediamente la tossina va ripetuta ogni 6 mesi, e personalmente non la ripeto mai prima almeno dei 4 mesi.
Infatti il ripetere l’infiltrazione troppo di frequente può esporre al rischio di sensibilizzazione e produzione di anticorpi che potrebbero inattivare la tossina.
La tossina botulinica può essere fatta con altri trattamenti?
A mio parere la tossina è meglio se viene fatta da sola, cioè in una seduta a se stante.
Questo per due motivi:
perché già sono molte le punturine che vengono fatte. E la tossina sicuramente non può essere fatta dove si fanno in contemporanea altri trattamenti.
Voglio dire che non potremo fare nella stessa seduta sulle rughe glabellari la tossina ed un filler come l’acido ialuronico.
Potremmo però fare la tossina nel III superiore del viso ed un filler per le rughe nasogeniene. Però….
…molte rughe presenti sul viso dopo la tossina migliorano drammaticamente e la quantità di correzione necessaria con le altre metodiche si riduce drasticamente.
Ad esempio le rughe nasogeniene, dopo un trattamento con tossina botulinica del bordo mandibolare, possono migliorare molto.
Per questi motivi tendo a fare la tossina in una seduta separata da altre tecniche, valutarne i risultati, e terminare con le altre correzioni dopo aver valutato bene i benefici ottenuti.
In sedute differenti, invece, non esistono assolutamente problemi. La associazione con fillers a base di acido jaluronico, rivitalizzazioni e peeling è praticamente la regola.
Molto interessante l’associazione con laser frazionati.
Non uso invece materiali non riassorbibili come silicone, poliacrilammide o metilmetacrilato che a mio parere sono intrinsecamente più pericolosi.
Quali consigli si possono dare dopo una seduta di Botulino?
Sono vietate saune, bagni turchi, docce troppo calde, e bagni troppo caldi nella giornata dell’impianto.
Inoltre anche l’attività fisica intensa è meglio che sia evitata.
Sono da evitare infine massaggi al viso di tipo estetico o di qualsiasi altro tipo.
Per il resto è possibile condurre una vita assolutamente normale, ed è possibile riprendere immediatamente la propria attività lavorativa.
Quando è possibile chiedere al medico estetico di sottoporsi ad una seduta di Tossina botulinica?
Mediamente dai 30 ai 65 anni, ma nella mia esperienza anche signore più attempate hanno risposto alla tossina in modo ottimo, ed anche in casi molto selezionati, piccoli difetti di ragazze molto giovani ne hanno tratto ottimo beneficio senza alcun rischio.
Come sempre il buon senso impera!
Conclusioni:
Io sono sempre stato un grande sostenitore dell’uso della tossina botulinica, come d’altronde testimoniano alcune mie pubblicazioni in anni passati.
Da proscriverne la somministrazione da parte di personale non esperto. Infatti la tossina deve seguire regole molto precise ed una assoluta conoscenza dell’anatomia, dei siti inettivi e della diluizione è indispensabile per ottenere buoni risultati.
Il consiglio quindi resta quello di rivolgersi a personale medico esperto e di grande esperienza.
Come dico sempre alle mie pazienti, la gran parte del costo della seduta è dovuta all’esperienza dell’utilizzatore!
Direi anche di evitare iniezioni “fai da te”, assai pericolose.
Anche da evitare la ricerca di risultati esagerati: spesso la visione di effetti collaterali eclatanti che alcune volte vediamo anche in televisione sono dovuti alla ricerca di risultati estetici impossibili da raggiungere.
Se invece fatto nei limiti della prudenza, inseguendo il “natural look”, e cercando la riduzione del movimento e non la sua completa abolizione, la tossina botulinica può rappresentare un’arma estremamente potente nelle mani del medico estetico.

Autore: Alessio Redaelli